Quattro chiacchere col talento puro di Yane

Onorati e privilegiati, diamo il benvenuto a Yane, artista poliedrico che sta raccogliendo ampi consensi sulle piattaforme digitali e non solo. Recentemente impegnato nella promozione del lavoro Icaro, condividiamo con piacere l’intervista a Yane, grati e onorati per il suo tempo e la cortesia riservataci! Entriamo più a fondo nella vita e nelle opere, Yane si svelerà con quelle che sono le collaborazioni, fra le tante, quelle con nextpress.it, le esperienze, e i progetti futuri. Tuffiamoci in questo mondo speciale e diamo un caloroso benvenuto a Yane!

-Com’è nata la tua passione per la musica?

Mi sono appassionato alla break dance ed al mondo dell’Hip-Hop da quando avevo 12 anni, mi ha stregato, il rap non andava ancora, era molto di nicchia, ma adoravo il modo in cui si improvvisavano le rime e il scrivere pensieri ed emozioni creando canzoni, da lì notai che il fare musica era la cosa che mi veniva più spontanea e mi dava più soddisfazione.

– Cosa significa e com’è nato il nome “Yane” e il suo sound?

Yane significa “Io No” in lingua serba, quando ballavo avevo tanti amici serbi e facendo Hip-Hop in quegli anni eri considerato diverso, fuori da ogni cosa ed “Io No” era perfetto come nome. Il sound è un po’ come nome, sempre diverso, in evoluzione!

– Come è stato concepito “Icaro”?

Icaro è stato concepito in studio con il beatmaker Markus, da un semplice sample melodico volevo che venisse fuori qualcosa di tranquillo non troppo rude, da lì rime e metrica sono venute fuori sole, ho sputato il flow ed il mood che avevo al momento e ci è piaciuto subito!

– E com’è nato il suo videoclip?

Il videoclip a cura Di Arti Merdov ed Erik Pasini e nato dall’idea del pezzo che parla di divisione tra le persone ma anche di voglia di stare insieme, due persone che si vogliono ma volendo troppo poi si bruciano e tendono a dividersi!


– Com’è stato il percorso dall’esordio ad oggi?

Pesante a causa del covid che ha impedito molte cose ed mi ha tenuto fermo anche a livello di vita, ma se vedo la riuscita del pezzo lo devo solo alle persone che ci hanno lavorato sopra e che sono state con me in questo periodo.

– Quali sono le influenze artistiche?

Sicuramente in Italia le mie influenze sono Marra e Salmo, ma ascolto qualsiasi genere da ogni parte del pianeta, quindi un po’ tutto mi influenza!

– Quali sono le collaborazioni musicali?

Per il momento non ci sono collaborazioni, voglio arrivare ad un livello artistico ancora più alto per pensare di poter avere qualche collaborazione forte!

– E la collaborazione con l’etichetta Antieroi nel lavoro in promozione?

Antieroi è stata fondamentale, grazie a Ricky Carioti e Igor Ambrosino, loro si sono presi cura dei miei lavori e delle persone che lavorano con me, portando una qualità ed una promozione che mai avrei sperato di raggiungere da solo!

– Quali sono i contenuti che vuoi trasmettere attraverso la musica?

Di viversi la vita cercando di dare sempre il meglio di se, riuscire ad esprimersi sempre esternando le proprie emozioni e prendendosi cura di ciò che abbiamo!

– Parliamo delle pregiate esperienze di live, concerti e concorsi?

Sono molto fiero di essere un esponente per quanto riguarda la mia zona, dove ho aperto concerti al 90% della scena musicale italiana, ma se parliamo di Live e concorsi i più importanti sono stati i magazzini generali ed il forum di Assago a Milano.

– Cosa ne pensi della scena musicale italiana? E cosa cambieresti/miglioreresti?

Riporterei i valori di un tempo dove c’era più meritocrazia e meno social, anzi sfrutterei i social per far risaltare questo punto, cosa assai difficile oggi! Della scena musicale italiana penso che non sia troppo meritocratica, mangiano in pochi e non sempre sono i migliori!

– Oltre al lavoro in promozione quale altro brano ci consigliate di ascoltare?

Personalmente “Tutto Gira”, “Musica Tsunami” e “Prequel”

– Come stai vivendo da artista e persona questo periodo del covid-19?

Malissimo, mi ha tagliato le gambe in tutte le situazioni di vita, ma sono abituato a rialzarmi e reinventarmi, vince chi meglio si evolve!

– Quali sono i programmi futuri?

Spero un album che vanti oltre che buona musica anche qualche collaborazione, per ora mi interessa stare bene con ciò che faccio!

Leggi ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.