Fabio D’Amato ci regala ancora emozioni…

Fuori da poco “Emotional Life“, il nuovo singolo del compositore Fabio D’Amato, con un bellissimo video di animazione, vuole esaltare l’emozione che la vita ci regala.

Un tema intenso che torna a manifestare quella viva attenzione di Fabio verso la vita in tutti i suoi aspetti, anche le piccole cose del quotidiano. Il video è opera  dell’artista pakistano Saad Javed che, grazie alla propria sensibilità, ha saputo creare immagini e movimenti in un montaggio che amplifica le sensazioni del brano: la vita è un insieme di emozioni così l’animazione gioca con i colori, con le forme, con le situazioni in un continuo capovolgimento di scene e momenti trasportando lo spettatore continuamente in diversi stati emozionali (https://youtu.be/Xn6aX3WXf2Y). Ne abbiamo parlato con Fabio.

Cosa ci racconti di questo nuovo singolo, “Emotional life”?

Come tutti gli altri, nasce dalla mia esigenza di comunicare quello che sento, quello che mi capita. È  stato scritto non appena sono rientrato a casa da una lunga degenza in ospedale;  tutto il percorso che sto facendo, le storie condivise tra pazienti in un reparto, ha amplificato in me un senso ancora più profondo della vita, e sono rimasto spiazzato anch’io di quanta forza ed emozione può continuamente donarci, regalandoci comunque sempre delle sensazioni incredibili, tirando fuori in noi quell’energia, quella voglia di continuare a viverla sempre anche se spesso ci mette in grossa difficoltà.

Pensi che la musica possa essere realmente un aiuto per affrontare i momenti difficili?

Questa è una bella domanda mi sono sempre reputato “privilegiato”, perché per me la musica è sempre stato uno strumento per poter affrontare qualsiasi difficoltà, qualsiasi paura…. Non tutte le persone hanno l’opportunità di utilizzare strumenti per esorcizzare le proprie ansie, paure, difficoltà. Quindi la risposta a questa domanda è sì, penso di avere con me una compagna che fino da quando ero piccolo ha sempre combattuto come me qualsiasi battaglia, senza tirarsi mai indietro.

Nei tuoi lavori cerchi sempre di dare un messaggio importante, l’amore per la vita, per la natura, per gli altri, perché questa centralità tematica?

Penso siano tematiche fondamentali per qualsiasi essere umano. Non siamo nati per vivere da soli, siamo nati per vivere insieme agli altri, in mezzo alla natura e troppo spesso buttiamo via la vita, a vote solo per noia. Se l’uomo non imparerà a convivere, a rispettare le persone ed il mondo stesso, allora il senso della nostra esistenza diventerà sempre più superficiale e tutto questo non può portare altro che a guerre, alla voglia di potere, all’arroganza, insomma al peggio dell’essere umano.

Sono usciti altri singoli recentemente, ce ne parli in breve?

“Lights in the dark” uscito il 28 Gennaio 2022; è stato scritto dopo che a Dicembre sono stato ricoverato. Sono rimasto per quasi una settimana in un reparto molto intenso e così la notte vedevo continuamente delle luci o lucine accese di macchinari che tenevano in vita le persone. Da qui l’ispirazione della melodia e della musica che ricalca quelle notti, quelle lui, quelle speranze.

“Caresses on scratches”, invece, è uscito il 25 Marzo 2022 ed è stato scritto perché avevo la necessità di cullarmi in una carezza dopo un periodo molto impegnativo. Penso che ognuno di noi abbia bisogno di carezze sui proprio graffi, quella consolazione che ci aiuta a sopportare meglio il dolore, qualsiasi tipo di dolore. “Caresses on scratches” prende per mano e ci porta nel luogo della consolazione, della protezione, dai drammi quotidiani.

Tu componi per lo più brani strumentali, molto apprezzati a livello internazionale tanto che riscuotono un grande successo anche su Spotify. Secondo te perché?

I brani strumentali rimangono comunque ad oggi brani che non soffrono delle mode del momento negli arrangiamenti e nei suoni, rimangono brani sempre “freschi”, che si possono sentire anche tra diversi anni perché i suoni acustici come il piano, gli archi etc… anche dopo anni rimangono tali. Inoltre, i brani strumentali hanno il potere di essere compresi e apprezzati ovunque nel mondo, perché non hanno lingua o testo: è musica universale, fruibile da tutti.

Programmi e novità nel futuro più prossimo?

Per il futuro progetto sempre nuovi singoli, forse anche un nuovo album e sempre tante collaborazioni con altri artisti e registi. Insomma, non ci fermiamo mai…

Facebook: https://www.facebook.com/fabiodamatomusic/
Instagram: https://www.instagram.com/fabiodamatomusic/

You Tube: https://www.youtube.com/channel/UCvADkv3MWOdeUWVV254SQ2g

Spotify: https://open.spotify.com/artist/6EwgM3iiUdpIg388UGbU4p

Leggi ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.